INAUGURATO IL GIARDINO D’OMBRA A LOURDES CON LE PIANTE DI PISTOIA


Il nuovo spazio a verde con le piante donate dalla Fondazione Giorgio Tesi ONLUS, in collaborazione con l’associazione Amici di Lourdes, inaugurato con 100 pellegrini pistoiesi. Nella delegazione pistoiese era presente Monsignor Fausto Tardelli, Vescovo della città, Mario Tuci, Assessore del Comune di Pistoia, che ha portato i saluti a nome di tutta l’Amministrazione, e Fabrizio Tesi, presidente della Fondazione.

“Un’esperienza bellissima ed emozionante. Da anni l’azienda realizza iniziative come questa perché siamo convinti che questo sia il miglior modo per portare Pistoia e i nostri valori nel mondo. Questa di Lourdes, però, ci ha commosso, perché per me e per la mia famiglia è stato un onore lasciare in quel luogo il ricordo dello zio Giorgio e le piante che noi produciamo”. Così Fabrizio Tesi, presidente della Fondazione Giorgio Tesi Onlus, ha commentato l’esperienza del pellegrinaggio al Santuario di Nostra Signora di Lourdes del 22 e 23 giugno, promosso da Fondazione Giorgio Tesi ONLUS e dall’Associazione Amici di Lourdes.

“Un ricordo indelebile del cuore e del lavoro di tanti uomini e donne pistoiesi che hanno reso possibile questo progetto" ha detto Mons. Fausto Tardelli, Vescovo di Pistoia presente al pellegrinaggio insieme al Vicario Generale Don Paolo Palazzi ed ai sacerdoti Don Piergiorgio Baronti e Don Luciano Tempestini. I fedeli pistoiesi (riconoscibili nelle foto con indosso l’impermeabile giallo con i loghi di entrambe le associazioni), hanno preso parte con entusiasmo al viaggio voluto per ammirare i recenti lavori di ristrutturazione che hanno riguardato il Santuario, accompagnati dalle autorità della città francese e dal responsabile del complesso religioso.

“Siamo venuti a Lourdes con sentimenti di rimpianto per la mancanza di Luciano, fondatore della nostra associazione “Amici di Lourdes” di Pistoia, ma con la gioia nel cuore per aver ancora una volta piantato radici in questa terra di Francia. – dice Marco Baldi, diacono e rappresentante dell’associazione Amici di Lourdes - Accogliendo il desiderio di Luciano, continueremo l’impegno di portare ancora molti pellegrini davanti alla Grotta, in questa terra benedetta che sentiamo nostra”.

La gita, svoltasi fra lunedì e martedì, è stata organizzata con successo dalle due associazioni, il cui rapporto è lungo e consolidato: gli Amici di Lourdes, infatti, fu fondata da Luciano Bani, profondamente devoto alla Madonna e scomparso nel giugno dello scorso anno e la Fondazione Giorgio Tesi Onlus nata per ricordare i valori umani e lo spirito cristiano di Giorgio Tesi. A Luciano Bani e a Giorgio Tesi è stata dedicata una targa in memoria presso il Giardino d’Ombra che precede l’ingresso alla Grotta delle Apparizioni: l’area verde è stata allestita e risistemata durante l’inverno con trenta frassini donati proprio dall’azienda vivaistica, e offriranno un fresco riparo a tutti i pellegrini in visita al Santuario. Le piante, bellissime e ben attecchite, costituiscono un vero e proprio parco che accompagna il percorso verso la Grotta, circondato da una parte dal fiume e dall’altra dalla parete rocciosa dominata dalla Basilica. Un’esperienza profonda dunque quella dei devoti, che hanno avuto modo di partecipare ad una fiaccolata, alla Santa Messa presso la Grotta della Madonna concelebrata da Mons. Fausto Tardelli e da Padre Nicola Ventriglia, cappellano di Lourdes, oltre che all’inaugurazione della targa in ricordo di Bani e Tesi.

 

L’intervento dell’assessore al verde del Comune di Pistoia Mario Tuci sulla donazioni dei frassini al santuario di Lourdes


Il legame che già da tempo unisce Pistoia a Lourdes si è rafforzato. La donazione da parte della Fondazione Giorgio Tesi Onlus di 32 frassini al santuario meta ogni anno di milioni di pellegrini ha reso, infatti, più concreta e tangibile quella vicinanza spirituale che si è manifestata nel corso degli anni e che oggi è documentata anche nella biblioteca del santuario stesso, dove alcuni scritti attestano l’intensa attività dell’associazione Amici di Lourdes fondata da Luciano Bani, uno dei primi diaconi della diocesi pistoiese.

Questi alberi, simbolo di dialogo e di apertura, di un percorso di crescita che ogni uomo è chiamato a compiere nell’arco della sua esistenza, andranno a creare una zona di ombra che potrà fornire un po’ di ristoro a quanti si recheranno alla grotta di Massabièlle. Tracce di Pistoia, della sua storia e della sua cristianità, resteranno impresse in terra francese anche grazie alla targa che è stata inaugurata ieri, martedì, nei pressi del santuario per ricordare due nostri concittadini che a Pistoia hanno lasciato un segno indelebile e che in vita sono stati animati da una spiccata devozione alla Madonna di Lourdes, ossia Luciano Bani e Giorgio Tesi.

Personalmente mi sento onorato di aver avuto la possibilità di tornare ancora una volta a Lourdes, dove in passato ero già andato. Il coinvolgimento, l’emozione che questo luogo di fede trasmette è sempre toccante, tanto da rinvigorire ogni volta la mia spiritualità. Si tratta di un pellegrinaggio che riserva emozioni sempre nuove e la preghiera ha la meglio su tutto, sulle difficoltà di ogni giorno, sulla quotidianità, sulle distrazioni.

A nome dell’Amministrazione e della nostra città ringrazio quindi la Fondazione Giorgio Tesi per questo gesto che manifesta, ancora una volta, la generosità e l’apertura del nostro territorio e che si paleserà nella crescita di questi frassini lungo il viale che porta alla grotta.




Torna Indietro