Presentazione n° 16 NATURART


Il percorso di Naturart è iniziato nel 2010 e ci avviamo ad iniziare il suo quinto anno di vita.

Naturart ha attraversato questo lasso di tempo raccontando, numero per numero, un territorio tanto bello quanto poco conosciuto, con la missione di riscoprire e far apprezzare, in Italia come all’estero la nostra città: Pistoia.
Arte, personaggi, cultura, enogastronomia e ambiente hanno accompagnato la crescita di questo progetto, importante ed innovativo, che ha saputo conquistarsi un posto d’onore tra le pubblicazioni di promozione del territorio. 8000 copie per ogni numero, questo trimestrale edito dalla Giorgio Tesi Editrice, porta l’arte, la cultura e il costume del territorio pistoiese nel mondo con l’invio in 51 paesi.
Naturart è stata una scommessa, che ha dimostrato nei fatti, la sua bontà.
Non è facile trasporre a parole la soddisfazione nel vedere l’apprezzamento e la sorpresa dipinta sui volti delle tante persone che, attraverso la rivista, hanno potuto scoprire particolarità inedite, scorci sconosciuti e ricchezze paesaggistiche di cui ignoravano l’esistenza.
Il 5 dicembre vogliamo condividere con i nostri amici e con gli appassionati di cultura, arte, tradizioni e ambiente l’inizio del quinto anno di attività di Naturart, che inizia con il numero 16.
La nuova uscita scopre una tra le prime rappresentazioni di San Francesco, a Pescia, per poi tornare a Pistoia, in piazza Duomo, tra i banchi del mercato, uno tra i più antichi. Non manca la natura, con un reportage sul lupo appenninico, e le eccellenze artigianali che alimentano la tradizione musicale ed organistica del nostro territorio.
Un posto d’onore, all’interno del numero è dedicato alla straordinaria occasione di poter visitare da una prospettiva d’eccezione il Battistero di Piazza Duomo. Ideato e promosso da Vibanca, Giorgio Tesi Group e Soprintendenza per i Beni Architettonici Paesaggistici Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province di Firenze, Pistoia e Prato, in collaborazione con il Capitolo della Basilica Cattedrale di San Zeno, e con il patrocinio della Provincia e del Comune di Pistoia, infatti abbiamo predisposto, in via del tutto eccezionale, la possibilità di ammirare le statue ed i bassorilievi posti nella lunetta del portale, bellezze nascoste e difficilmente raggiungibili. Le scene dei rilievi raccontano i momenti salienti del martirio di San Giovanni Battista. Le statue, a partire raffigurano San Giovanni Battista posto su una mensola ornata da foglie d’acanto, la Vergine col Bambino, il cui sostegno corrispondente riporta lo stemma comunale pistoiese, e un altro santo, comunemente identificato con San Pietro. Inoltre, altrettanto pregevoli sono i capitelli laterali che adornano l’intera nicchia, con una composizione plastica di tralci di vite e foglie d’acanto tra i quali trovano posto diversi putti.
Al termine della presentazione di Naturart, intorno alle 18,30, ci sarà l’inaugurazione delle visite guidata alle statue del Battistero.




Torna Indietro